Principianti
Lezione 11
6 min

Una criptovaluta come il Bitcoin può essere violata o interrotta?

Una criptovaluta come il Bitcoin può essere violata o interrotta?

  • Grazie alla sua natura decentralizzata e distribuita, la tecnologia blockchain ben si presta a respingere gli attacchi degli hacker

  • Uno di questi scenari apocalittici è quello noto come attacco al 51%

  • Il Bitcoin stesso non è stato violato dalla sua creazione

  • Le interfacce, come i portafogli, in cui vengono gestite le criptovalute sono ancora vulnerabili agli attacchi

  • Al contrario, le persone e i siti web sono stati violati in quanto sono obiettivi molto più facili da colpire

In questa lezione imparerai perché è difficile hackerare una blockchain e, tuttavia, è comunque possibile.

Guarda questa lezione della Bitpanda Academy in video

Guarda su YouTube

Pronto a ricevere BEST gratis? Metti alla prova le tue conoscenze qui.

Quiz per principianti

Perché il Bitcoin può essere considerato "a prova di hacker"?

Il Bitcoin è considerato a prova di hacker perché la blockchain Bitcoin è costantemente revisionata da tutta la rete. Pertanto, gli attacchi alla blockchain stessa sono molto improbabili. Per aggiungere un nuovo blocco contenente una raccolta di transazioni, ogni partecipante (miner) che aggiorna il ledger di Bitcoin risolve continuamente complessi problemi matematici. 

Questi complessi problemi matematici sono creati dalla funzione di hash crittografico di Bitcoin. Se viene aggiunto un blocco specifico al database, ogni nodo della rete deve concordare sulla validità di tale blocco. Solo se tutti i nodi sono d'accordo, il ledger di Bitcoin viene aggiornato di conseguenza. 

Manipolare una rete di criptovaluta è estremamente difficile. La cancellazione o la sovrascrittura di un blocco di Bitcoin già speso, nota come "doppia spesa", è resa impossibile dalle caratteristiche decentrate, cronologiche e computazionali, ad alta intensità di potenza, della blockchain Bitcoin. 

Che cosa succede quando qualcuno cerca di hackerare la blockchain Bitcoin?

Come già sai, non esiste una sola copia della blockchain Bitcoin. Esistono, invece, migliaia di copie memorizzate sui nodi di una rete di computer. Questi nodi sono sparsi in tutto il pianeta e contengono tutte le transazioni Bitcoin che sono avvenute finora. 

Un hacker che volesse alterare il ledger distribuito di Bitcoin, o di qualsiasi altra rete basata sulla tecnologia blockchain, avrebbe bisogno di hackerare non uno, ma più della metà dei computer partecipanti (attacco al 51%).

Che cos'è un attacco al 51%?

Un attacco al 51% è probabilmente la minaccia più significativa per le blockchain. Uno scenario simile si presenterebbe in questo modo: Se un singolo individuo o un'organizzazione riuscisse a prendere il controllo della maggior parte della potenza di mining delle reti (hashrate), la cronologia transazione della rete Bitcoin potrebbe, in teoria, essere modificata e sovrascritta.

La maggioranza (quindi il 51%) è sempre necessaria per decidere quali operazioni approvare e quali rifiutare. Ciò significa che una maggioranza del 51% potrebbe potenzialmente alterare il ledger distribuito di una blockchain in modo da autorizzare la doppia spesa (esecuzione della stessa transazione più volte). È, tuttavia, estremamente difficile giungere a una simile situazione e che questa si verifichi è altamente improbabile. 

Così come il Bitcoin non è mai stato attaccato con successo al 51%, non è mai stato interrotto, nemmeno per un breve periodo di tempo. 

Il Bitcoin può essere interrotto/disattivato?

Così come il Bitcoin non è mai stato attaccato con successo al 51%, non è mai stato interrotto, nemmeno per un breve periodo di tempo. Molti attori, come istituzioni statali e funzionari bancari, hanno proposto in passato la chiusura della rete Bitcoin, ma quest'ultimo funziona praticamente al 100% da quasi dieci anni.

In circostanze davvero estreme, esistono alcuni scenari che potrebbero segnare la fine del Bitcoin così come lo conosciamo. Per esempio, un black-out a livello globale che interrompesse tutte le comunicazioni e Internet in tutto il mondo potrebbe impedire ai nodi della rete di mettersi in contatto tra loro, causando il malfunzionamento del sistema.

Scenario due: un aggiornamento di Bitcoin contiene un bug critico che non viene rilevato nonostante i test intensivi e la revisione paritaria inerente al protocollo Bitcoin. Una situazione simile comporterebbe molto probabilmente un temporaneo deterioramento della rete e, di conseguenza, un forte calo del prezzo del Bitcoin e una fork della blockchain. 

Poiché il Bitcoin è decentralizzato, la rete in quanto tale non può essere chiusa da un solo governo. Tuttavia, i governi hanno tentato di vietare le criptovalute in passato, o almeno di limitarne l'uso nella loro rispettiva giurisdizione. I governi potrebbero ancora tentare di unirsi per vietare il Bitcoin. Tuttavia, a lungo termine, è molto più probabile che i governi impongano delle regole per proteggere i singoli investitori e per riscuotere le tasse. 

Poi esiste anche lo scenario (seppure improbabile) di un attacco al 51%. Il 51% dei partecipanti alla rete dovrebbe unire le forze per rovesciare la rete Bitcoin, mettendo così in pericolo i propri profitti. Poiché un tale scenario richiederebbe anche enormi investimenti in attrezzature di mining, un simile colpo è altresì altamente improbabile.  

Inoltre, nuove e presumibilmente migliorate criptovalute vengono introdotte sui mercati quasi ogni giorno. Tali sviluppi comportano il pericolo di affaticamento del mercato in termini di investimenti. Significa che se tutti hanno acquistato una risorsa, non ci sono più acquirenti a cui vendere quando si vuole vendere, il che si traduce in un calo del prezzo.

Tuttavia, il Bitcoin sta resistendo da quasi dieci anni ed è molto probabile che mantenga la sua reputazione e il suo valore. 

Il Bitcoin sta resistendo da quasi dieci anni ed è molto probabile che mantenga la sua reputazione e il suo valore. 

Perché i bitcoin vengono rubati?

La maggior parte delle falle di sicurezza nello spazio della criptovaluta può essere attribuita a individui e siti web che non adottano le corrette misure precauzionali. I fondi rubati sono in genere il frutto della conservazione delle criptovalute in luoghi che semplicemente non sono sicuri. 

Per esempio, un qualsiasi portafoglio di criptovaluta collegato a internet o in qualche modo "online" è un portafoglio caldo ("hot wallet"). I portafogli caldi sono sia i portafogli sui desktop o sui dispositivi mobili, sia i portafogli ospitati sulle piattaforme di compravendita senza l'adozione di misure di sicurezza all'avanguardia. Un portafoglio caldo può anche riferirsi alle chiavi private del portafoglio che vengono memorizzate incautamente su un dispositivo danneggiato e hackerabile.

I fondi rubati sono in genere il frutto della conservazione delle criptovalute in luoghi che semplicemente non sono sicuri. 

L'hackeraggio di Mt.Gox è probabilmente il primo esempio di scarsa sicurezza e il più grande furto di criptovalute. Mt. Gox era una piattaforma di compravendita fondata in Giappone e reimpiegata in una borsa di Bitcoin nel 2010. A causa di misure di sicurezza insufficienti, gli hacker riuscirono a rubare più di 850.000 BTC. L'hackeraggio di Mt. Gox è il più grande attacco del genere dopo la nascita di Bitcoin e ha portato al fallimento della piattaforma di compravendita nel 2014.

Per fortuna, altre piattaforme di compravendita in tutto il mondo hanno imparato da questo incidente e da allora molte hanno implementato funzioni di sicurezza vigorose. Nondimeno, raccomandiamo a tutti gli utenti di criptovalute di adottare abitudini sicure e di leggere il nostro articolo sulla conservazione sicura delle criptovalute. 

In ogni caso, la tecnologia del ledger distribuito e la blockchain sono alcune delle innovazioni più sicure e potenti finora conosciute. La blockchain porta con sé una ricchezza di casi d'uso senza precedenti, molti dei quali sono ancora in attesa di essere utilizzati. 

Sei pronto a comprare criptovalute?

Inizia ora

LETTURE DI APPROFONDIMENTO

LIBRI

  • Andrew Segal - The Hacked World Order: How Nations Fight, Trade, Maneuver, and Manipulate in the Digital Age” 

  • Markus J. Carey and Jennifer Jin - Tribe of Hackers - Advice from the Best Hackers in the World

  • Jake Adelstein and Nathalie Stucki - Pay the Devil in Bitcoin 

Tre dei peggiori attacchi hacker nel mondo crypto e blockchain

Il MIT pubblica un articolo nel quale vengono descritti tre modi per distruggere il Bitcoin

Hackers Steal $40.7 Million in Bitcoin From Crypto Exchange Binance

Can Bitcoin be hacked?

Can Bitcoin be destroyed?

DICHIARAZIONE DI NON RESPONSABILITÀ

Il presente articolo non costituisce una consulenza in materia di investimenti, né un'offerta o un invito all'acquisto di criptorisorse.

Il presente articolo è a solo scopo informativo generale e non viene rilasciata alcuna dichiarazione o garanzia, espressa o implicita, e non si può attribuire un valore assoluto, sull'imparzialità, accuratezza, completezza o correttezza del presente articolo o delle opinioni in esso contenute.

Alcune dichiarazioni contenute nel presente articolo possono riguardare aspettative future che si basano sulle nostre attuali opinioni e ipotesi e comportano incertezze che potrebbero generare risultati effettivi, prestazioni o eventi che si discostano da tali affermazioni.

Nessuno di Bitpanda GmbH e nessuna delle sue affiliate, consulenti o rappresentanti avrà alcuna responsabilità in relazione al presente articolo.

Si prega di notare che un investimento in criptorisorse comporta dei rischi oltre alle opportunità sopra descritte.